GBD canne fumarie

Incendio tetto causato da canne fumarie

L'errata realizzazione di camini e canne fumarie, unitamente alla mancanza di opportuna pulizia e manutenzione, causano con una frequenza molto alta casi di incendio di tetti delle abitazioni con tutte le conseguenze che ne derivano.

00

In alcune province d'Italia, nella stagione invernale, si parla addirittura di 2 interventi dei Vigili del Fuoco al giorno.

Nella maggioranza dei casi, l'incendio è causato da un primo incendio degli incombusti che si depositano all'interno della canna fumaria, che a sua volta, surriscaldandone la parete esterna, causa l'incendio dei materiali adiacenti.

01

 

Gbd spa ha attentamente seguito questo fenomeno studiando una soluzione specifica che evita, nel caso di incendio della canna fumaria, il propagarsi verso materiali combustibili adiacenti alla stessa.

02

Questo componente è progettato per l'attraversamento di un tetto mantenendo una distanza minima dai materiali infiammabili "C" (indicata nella figura sottostante), oltre alla coibentazione del pezzo, così come previsto dalla norma EN 1443.

03

Questa distanza "C" viene determinata sperimentalmente e garantisce, in caso di incendio interno della canna fumaria, che un materiale infiammabile adiacente non sia sottoposto ad una temperatura tale da causare incendi.
Questa soluzione non evita comunque l'incendio interno della canna fumaria, che va preservato invece, facendo un programma di opportuna pulizia e manutenzione (anche 2/3 volte all'anno in funzione del tipo di legna combusta e del periodo di utilizzo della stufa/camino).

04

Scarica la scheda del componente